venerdì 11 settembre 2009

Dov'è Mike?

Così.
L'ho domandato a UCP ieri sera mentre riempivo la lavastoviglie.
Dopo le costolette d'agnello e prima della grappa.
"Stai parlando dell'immortalità dell'anima?" ha chiesto lui, che non fa mai finta di non capire le domande.
"Sì", ho detto io.

UCP lo esclude, ma io vorrei sapere se Mike guarda la tele adesso, o fa Riskytutto da qualche parte.

1 commento:

Giovanni ha detto...

Non prendo spesso il treno ultimamente, lo faccio in quei rari casi in cui i tempi non sono assillanti, come sabato appunto. La mia personale liturgia ferroviaria prevede caramelle, giornali, occhiali scuri e musica per essere certi dell'isolamento. Così mentre la carrozza ciondolava in una direzione la mente vagava in altri lidi e l'occhio si posava su una fotona sgranata di simone weil che ne celebrava il centenario della nascita. Immediato il pensiero si è posato su si te, per quella serie di link cerebrali un po' strambi e male assortiti, ne son certo, tu diresti serendipity (credo si dica così). Solo questo inutile appunto volevo significarti: il mio pensiero affettuoso si è soffermato su di te e credo anche di aver abbozzato un sorriso o più probabilmente era una smorfia provocata dall'acidità di stomaco ma tant'è. Non so nemmeno se questo è il luogo più deputato dove lasciare questo pietruzza miliare del ricordo ma non sapevo dove altro lasciarla se non in un posto pulito ed illuminato bene come questo tuo angolino. cento di questi anni simone, tanti cari auguri. g.